A Palazzo Fascie la storia di Sestri
17 gennaio 2014
$$datasiel.heritage.label.PF$$
Nella centrale Corso Colombo, Palazzo Fascie, di inizio Novecento, con l’inconfondibile colore e la torre merlata, ospita il Musel, il museo interattivo della città e del territorio. L’intervento ha restaurato finiture, pavimenti, intonaci
Musel

Antico borgo marinaro stretto tra due baie, Sestri Levante è uno dei centri più importanti dal punto di turistico e storico della Provincia di Genova. Tra le case del centralissimo Corso Colombo, spicca Palazzo Fascie, costruito agli inizi del Novecento, dal caratteristico colore rossastro, reso inconfondibile dalla torre merlata.

L'edificio ospita al suo interno il nucleo e il motore della vita culturale della città.

Al terzo e quarto piano trovano spazio il Museo della Città e la Sezione Archeologica del territorio del Tigullio. Interventi di restauro eseguiti nel 2012 e inseriti nel progetto di Valorizzazione delle risorse naturali e culturali della Liguria (Asse 4 del Por Fesr 2007-2013) hanno consentito il recupero dell’edificio e l’espansione degli spazi espositivi, attraverso opere murarie e di adeguamento impiantistico e abbattimento delle barriere architettoniche.

Oggi il Musel, il museo della città e del territorio, racconta la storia dell’integrazione tra ambiente e popolazione umana in ambito locale.  Le sale ospitano la storia di Sestri Levante e del suo entroterra attraverso un percorso che parte dalla preistoria e si sviluppa attraverso le storie degli uomini che qui hanno vissuto. Personaggi del passato - Vincenzo Fascie, Guglielmo Marconi, Hans Christian Andersen, Riccardo Gualino - opportunamente messi in scena grazie a risorse multimediali innovative, sono le guide ideali per narrare l’evoluzione e le trasformazioni del territorio e il lungo percorso storico che ha trasformato Sestri Levante da borgo medievale a cittadina moderna e contemporanea.