Luni, l’anfiteatro
14 ottobre 2013
$$datasiel.heritage.label.LR$$
In un’area antichissima, al centro di vie di mercati e pellegrini, l’anfiteatro di Luni è il monumento più importante della Lunigiana

L’area di Luni è abitata da millenni. Luogo antico, conosciuto da sempre, tanto da dare all’intera zona il suo nome, Lunigiana. Terra di passaggio, di scambi, di mercati, di pellegrini: porto fiorente nell’epoca romana, incrocio di vie sacre del Cristianesimo.

All'epoca della fondazione la colonia aveva una cinta muraria importante e un foro commerciale, s’estendeva su un territorio di 24 ettari, scandito dai tipici assi viari romani, cardo e decumano massimo, come nei precetti stabiliti da Vitruvio nel suo De Architectura.

Ma tra le tracce che l’uomo vi ha lasciato, l’anfiteatro romano è forse la più notevole. Costruito nel II secolo a.C., di forma ellittica, ha una capienza di circa 7000 spettatori e la dice lunga sull’importanza raggiunta dalla città.